Il-Trafiletto

22/06/17

Transformers L'Ultimo Cavaliere: storia di viaggi e di cacce al tesoro

Due ore di intrattenimentoper un film diretto da Bayhem dedicato ai Transformers. Il cineasta statunitense è stato in grado di diventare il pioniere di uno stile che non punta sull'estetica ma sul dinamismo - oltre che sulle esplosioni - e quindi perfetto da "sfruttare" in tutte quelle pellicole dove il ritmo è e deve essere tutto.

Quei film spesso poco apprezzati dalla critica, ma nella maggior parte dei casi idolatrati da quella fetta di pubblico che cerca nell'arte cinematografica un momento di evasione dalla realtà. Michael Bay è il regista "del popolo sovrano", ed è per questo che è un peccato vedere che in Trasformers - L'Ultimo Cavaliere le sue peculiarità - amate e odiate - sono state messe da parte per dare spazio a una trama eccessivamente complicata. Una storia fatta di viaggi e di corali cacce al tesoro, di robottoni ghettizzati e poi di nuovo "sfruttati", di rabbiose minacce al Pianeta Terra che, nonostante lo sforzo, non dà e non toglie nulla a un franchise che effettivamente sembra non avere più nulla da dire.
http://cinema.everyeye.it/articoli/recensione-transformers-l-ultimo-cavaliere-poco-rumore-per-nulla-33935.html

21/06/17

Quali sono i candidati Globi d'Oro 2017: ipotesi, probabili titoli

Ma ai critici stranieri sarà piaciuto di più Fai bei sognidi Marco Bellocchio o La pazza gioia di Paolo Virzì? 


Chi vincerà i Globi d’Oro 2017? A Hollywood sono la vera anticamera degli Oscar. Se negli States sono i Golden Globes, da noi diventano i Globi d’Oro.

Li consegna, esattamente come in California, l’Associazione della Stampa Estera che premia i migliori film locali. A Hollywood gli americani, a Roma quelli italiani.
I Globi d’Oro 2017 verranno assegnati il 14 giugno, con tanto di red carpet e cerimonia di premiazione.
Quest’anno è la 57ma edizione.
Il Premio alla Carriera andrà a Dario Argento che si appresta a “battezzare” il remake del suo Suspiria diretto da Luca Guadagnino e interpretato da Dakota Johnson, Chloe Grace Moretz eTilda Swinton:
il Gran Premio della Stampa Estera andrà invece a Restaurare il cielo di Tommaso Santi.
Per il resto, per scoprire i premi “succulenti” dovremo aspettare il 14 giugno: la sfida per il Miglior film è tra Fai bei sogni di Marco Bellocchio e La pazza gioia di Paolo Virzì che dagli States è appena tornato dopo aver girato il suo primo film americano The Leisure Seeker, con Donald Sutherland ed Helen Mirren e perfetto per il prossimo Festival di Venezia. Outsider? Indivisibilidi Edoardo De Angelis.

Nell’attesa ecco le cinquine dei candidati ai Globi d’Oro 2017, nelle categorie principali

MIGLIOR FILM

Fai bei sogni di Marco Bellocchio


Indivisibili di Edoardo De Angelis

La pazza gioia di Paolo Virzì

La stoffa dei sogni di Gianfranco Cabiddu

La tenerezza di Gianni Amelio


Leggi articolo originale

20/06/17

Una Doppia Verità: storia di un avvocato in cerca di veriotà

Spesso la verità più pura si palesa davanti ai nostri occhi con semplicità, senza filtri o disturbi, limpida e semplice, altre volte invece si nasconde talmente bene che cercarla significa iniziare un viaggio infinito e pieno di ostacoli.

Lo sa bene Richard Ramsey, che in Una Doppia Verità è un avvocato difensore che ha a che fare con verità dichiarate o presunte ad ogni nuovo caso di omicidio. Durante ogni processo penale, capita infatti che l'imputato menta su qualcosa, sulla sua colpevolezza o sul suo grado di coinvolgimento, la verità diventa così un'illusione, qualcosa di talmente astratto da diventare inesistente. Ciò che esiste è invece ciò di cui ci convinciamo, l'unico modo - dal punto di vista di un avvocato difensore - di portare avanti una battaglia persa in partenza, dove l'assistito è di certo un assassino e un criminale. L'obiettivo in questi casi è limitare i danni e le pene, ma non tutti i casi e gli imputati sono uguali.
Non sempre la colpa è del maggiordomo: http://cinema.everyeye.it/articoli/recensione-una-doppia-verita-viaggio-nella-psicologia-ambigua-keanu-reeves-33840.html


19/06/17

Lavorare da casa seguendo 5 regole cardine

Con il Jobs act degli autonomi, debutta anche lo smart working che consente al dipendente di svolgere parte del lavoro a casa anziché in azienda. 


In realtà molto aziende hanno già iniziato a concedere questa possibilità ai dipendenti, ma da oggi con un quadro normativo più chiaro lo smart working acquista consistenza e può diffondersi tra le aziende.

La legge sullo smart working indica una serie di regole generali, sulla retribuzione, sui controlli e anche su eventuali sanzioni disciplinari del lavoratore fuori azienda.
Per avviare lo smart working o anche solo una sperimentazione azienda e dipendente (o sindacati) devono stipulare un accordo che disciplini nei dettagli lo svolgimento del lavoro fuori dall’azienda.

La legge comunque detta delle linee guida generali che serviranno per stipulare gli accordi specifici.

1 - Come funziona lo smart working
Le legge prescrive che datore di lavoro e dipendente possano accordarsi e firmare un’intesa che prevede lo svolgimento del lavoro fuori dall’azienda con tempi e orari da concordare.
Il dipendente utilizza strumenti tecnologici forniti dall’azienda o personali e può svolgere il lavoro dalla propria residenza, dal domicilio o dove vuole.
Il datore può decidere di riconoscere gli stessi incentivi fiscali e legati agli incrementi di produttività ed efficienza del lavoro subordinato svolto in forma ordinaria.

L’azienda resta responsabile della sicurezza sul lavoro e del funzionamento degli strumenti tecnologici a disposizione del dipendente.

2 – L’accordo per lo smart working
La legge spiega come deve essere stipulato l’accordo: deve essere in forma scritta e deve essere oggetto di comunicazione telematica obbligatoria preventiva.
Le parti possono decidere se stipulare un accordo a termine oppure a tempo indeterminato, in questo caso le parti possono chiedere il recesso con un preavviso di 30 giorni.
L’accordo deve disciplinare l’attività lavorativa fuori dall’azienda: si possono mettere limiti giornalieri, settimanali o mensili e prevedere forme di esercizio del potere direttivo e di controllo del datore di lavoro.

Infine si decide quali sono le condotte da sanzionare e con quali sanzioni disciplinari.

3 – Sicurezza 
Anche con lo smart working il datore di lavoro è obbligato a garantire la salute e la sicurezza del dipendente.
Per farlo deve consegnare al dipendente o al sindacato, almeno una volta l’anno, un’informativa scritta nella quale sono individuati i rischi generali e i rischi specifici connessi alla particolare modalità di esecuzione del rapporto di lavoro.
4 – Lo stipendio
La legge fissa un principio sempre valido in caso di smart working:
il dipendente che svolge il lavoro con lo smart working “ha diritto ad un trattamento economico e normativo non inferiore a quello complessivamente applicato, in attuazione dei contratti collettivi, nei confronti dei lavoratori che svolgono le medesime mansioni esclusivamente all’interno dell’azienda”.
Discorso diverso se la penalizzazione economica è accompagnata da un riproporzionamento dell’orario di lavoro: in questo caso lo stipendio può essere ridotto.

5 – Smart working: infortuni e malattie
Anche il dipendente che lavora tramite smart working ha diritto alla tutela contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali.

Non solo, la legge prevede che il lavoratore abbia inoltre diritto alla tutela contro gli infortuni sul lavoro avvenuti durante il normale percorso di andata e ritorno dal luogo di abitazione a quello prescelto per lo svolgimento della prestazione lavorativa all’esterno dei locali aziendali.

Leggi articolo originale

18/06/17

Come conservare bene le vostre scarpe

Se le vostre scarpe sono troppo strette o se volete saperne di più su di loro, in questo post vi darò qualche consiglio per migliorare il rapporto con le vostre calzature. 


Per togliere le macchie dalle scarpe di camoscio si può usare anche una normale lima per le unghie, strofinando prima la parte macchiata con acqua tiepida.

I prodotti per le mani possono essere utili anche per le calzature.
La conferma arriva dal solvente per le unghie, adatto per sbarazzarvi dei graffi e dalle strisciate scure che si formano sulla parte in gomma delle scarpe.
Per alcuni sarà scontato, ma molti non lo sanno: il deodorante funziona anche per i piedi.
In alternativa, per eliminare il cattivo odore si possono mettere nella suoletta delle scarpe del bicarbonato di sodio o del borotalco.

Il calore può ammorbidire la pelle (in particolare quella di camoscio), quindi per allargare le scarpe strette è consigliabile indossarle con dei calzettoni e riscaldarle con l'asciugacapelli.

Se non riuscite col calore, provate a cambiare elemento:
un ottimo metodo per allargare le scarpe strette infatti è quello di tenerle nel frigorifero per circa un'ora con sopra un sacchetto per alimenti riempito d'acqua a metà.
Le scarpe possono essere molto utili quando si viaggia, e non solo per camminare, provate a usarle come contenitori per imballare oggetti fragili e proteggere i vostri occhiali da sole o materiale in vetro, ad esempio.
Se venite sorpresi dalla pioggia e vi ritrovate le scarpe bagnate meglio non usare tovaglioli di carta per asciugarl, meglio la carta di giornale.
Il piede sudato può essere un problema non indifferente, specialmente nei mesi estivi quando non si indossano calze.

In questo caso per assorbire l'umidità è importante indossare calzini assorbenti in lana o materiale sintetico (da evitare quelli di cotone).
Questa informazione invece è utile per chi deve allargare delle ballerine, un tipo di scarpa spesso molto dolorosa.
Indossando dei calzini di spugna bagnati è possibile ammorbidire la pelle delle scarpe.

Leggi articolo originale

17/06/17

Lady Macbeth: storia di una dark lady ingenua e perversa

Ritratto di una dark lady ingenua e perversa, Lady Macbeth è un efficace studio di carattere e di trasformazione da vittima a carnefice. Drammatico - Gran Bretagna, 2016. Durata 89 Minuti. Un film di William Oldroyd. Adattato da Lady Macbeth del distretto di Mcensk di Nikolaj Leskov, il ritratto di una gotica dark lady, ingenua e perversa.

La giovane Katherine vive reclusa in un gelido palazzo isolato nella campagna, inchiodata da un matrimonio di convenienza, evitata dal marito, disinteressato a lei, e tormentata dal suocero che vuole un erede. La noia estrema e la solitudine forzata spingono Katherine, durante una lunga assenza del marito, a avventurarsi tra i lavoratori al loro servizio e ad avviare una relazione appassionata con uno stalliere senza scrupoli. Decisa a non separarsi mai da lui, folle d'amore e non solo, Katherine è pronta a liberarsi di chiunque si frapponga tra lei e la sua libertà di amare chi vuole....
www.mymovies.it/film/uscita/giugno/2017/?genre=drammatici

16/06/17

Condanna per l'ex direttore del Tg4 Emilio Fede

Condanna per l'ex direttore del Tg4 Emilio Fede, avrebbe prodotto foto ritoccate per poter ricattare i vertici Mediaset, onde ottenere un vantaggio nella sua uscita dopo il licenziamento del 2012.

E' la seconda condanna in pochi giorni a carico del giornalista, al quale il 12 giugno sono stati inflitti 3 anni e mezzo per concorso in bancarotta.

Il giudice Alberto Carboni ha confermato un'imputazione di tentata estorsione, ha riqualificato in tentata estorsione un'ipotesi di estorsione e ha riqualificato un'accusa di violenza privata in minacce
(Pena più lieve). Secondo le indagini coordinate dal pm Silvia Perrucci, il giornalista nel 2012 avrebbe dato mandato a Gaetano Ferri, suo ex personal trainer e già condannato in appello per questa vicenda, e ad altre due persone di assemblare finti fotomontaggi compromettenti che ritraevano il direttore dell'informazione di Mediaset, Mauro Crippa, così come il presidente dell'azienda Fedele Confalonieri. E attraverso una serie di "pressioni e minacce", in pratica, come affermato dal pm in requisitoria, avrebbe costretto "Crippa, Confalonieri ma anche lo stesso Silvio Berlusconi" a fargli avere "un accordo più vantaggioso con una buonuscita di 820 mila euro e un contratto di collaborazione di 3 anni".

Nel processo erano parti offese Rti-Mediaset e Confalonieri con il legale Lucio Lucia. Stando alla difesa di Fede, rappresentata da Alessandra Guarini e Maurizio Paniz, l'allora direttore "non si aspettava certamente di essere licenziato in tronco quel 28 marzo del 2012 con una vera e propria imboscata e ha usato espressioni ingiuriose e di rabbia nei confronti di Crippa, ma nella sua condotta non c'è stato nulla di violento o minaccioso volto ad impedire il suo licenziamento e ad ottenere un accordo più favorevole".

Tre giorni fa Fede è stato condannato per il caso del prestito di Silvio Berlusconi a Mora per salvare la sua Lm Management: il giornalista avrebbe trattenuto per sé circa 1,1 milioni di euro.
 fonte http://www.ansa.it/lombardia/notizie/

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 3.0 Italia.