Il-Trafiletto

18/11/17

Scoperto pianeta abitabile come Terra: Ross 128b

Fonte - Rai News - Un nuovo pianeta va ad aggiungersi alla lista, ancora ristretta, dei candidati alla ricerca di segni di vita oltre il sistema solare. 


Lo ha annunciato l'Osservatorio europeo australe (Eso). Questo piccolo pianeta, che è stato chiamato Ross 128b, è stato scoperto intorno a una stella della costellazione della Vergine, situata a soli undici anni luce dal Sistema solare (un anno luce equivale a 9.460 miliardi di chilometri) dalla Terra.

Scoperto pianeta abitale come Terra: Ross 128b
Scoperto pianeta abitale come Terra: Ross 128b

"Ross 128b è molto vicino, questo ci permetterà di vederlo con un telescopio come quello E-Elt in costruzione per il 2025", ha spiegato Xavier Bonfils, astronomo del Cnrs all'Osservatorio delle Scienze dell'Universo di Grenoble.

Rilevato dallo spettografo Harps, installato sul telescopio di 3,6 metri dell'Eso in Cile, il pianeta orbita intorno a una stella nana (Ross 128) in 9,9 giorni. Secondo i ricercatori, Ross 128b è in grado di ospitare segni di vita:

ha una massa simile a quella della Terra e la sua "temperatura di superficie potrebbe ugualmente essere vicina a quella della Terra", quindi può essere compatibile con la presenza di acqua allo stato liquido indispensabile alla vita come la conosciamo.

"La scoperta è basata sul monitoraggio intensivo con HARPS durato più di un decennio, insieme con tecniche di riduzione e analisi dati all'avanguardia.

Solo HARPS ha dimostrato la precisione necessaria e continua a essere il miglior strumento per la misura di velocità radiali, 15 anni dopo l'inizio delle operazioni," spiega Nicola Astudillo-Defru (Osservatorio di Ginevra - Università di Ginevra, Svizzera), coatuore dell'articolo che presenta la scoperta.

Leggi articolo originale

16/11/17

Ogni Tuo Respiro: storia di un amore che lotta per la vita

Ogni tuo respiro, che vede il debutto alla regia di Andy Serkis, ovvero l'attore divenuto celebre per i suoi personaggi in motion capture (Gollum de Il Signore degli Anelli su tutti).


Storia della famiglia Cavendish. Robin (Andrew Garfield) e Diana (Claire Foy) sono giovani, abbienti, innamorati con un colpo di fulmine, subito sposi e presto trasferiti in Kenia, dove Robin è commerciante di tè e dove aspettano il loro primo figlio, Jonathan (ricordatevi questo nome). Proprio quando la vita e la felicità dei due sembra non poter toccare vette più alte, un giorno durante una partita di tennis Robin sviene e si sente mancare il respiro. Trasportato d'urgenza in ospedale gli viene diagnosticata la poliomielite, che lo paralizza dalla testa in giù. Il suo verdetto è quello di tre mesi di vita attaccato ad un respiratore artificiale.

Ma a quanto pare i dottori non avevano fatto i conti con la perseveranza e la determinazione di Diana, che sposta il marito in Inghilterra e dà il via ad una lotta per la vita insieme a Robin, agli eccentrici amici e alla famiglia. Proprio insieme ad uno di questi amici Robin mette a punto una rudimentale sedia a rotelle dotata di un respiratore che gli consentirà non solo di avere una qualità della vita migliore, ma di combattere per la divulgazione del marchingegno affinché le persone nella sua stessa situazione possano auspicare a qualcosa di meglio della stanza di un ospedale. È una storia che ha più radici, nella disabilità di certo, ma soprattutto nell'amore e nel coraggio. Il film è stato co-prodotto da Jonathan Cavendish, figlio della coppia, grande amico di Andy Serkis, insieme al quale ha fondato la Immaginarium Production. https://cinema.everyeye.it/articoli/recensione-ogni-tuo-respiro-del-primo-film-andy-serkis-35747.html

14/11/17

Fallimento Nazionale Italiana: Malagò attacca Tavecchio

Fonte - Repubblica Sport - Dopo il flop mondiale, Carlo Tavecchio corre ai ripari, per cercare di salvarsi. 


Il presidente della Figc, nel mirino della critica come e forse più di Ventura, presto convocherà gli "stati generali" del calcio.


Chiamerà a raccolta tutti i presidenti delle Leghe (quella di A è commissariata da lui stesso, quella di B è commissariata dall'avvocato Balata) e le componenti (Tommasi, Nicchi, Ulivieri).

"Siamo profondamente amareggiati e delusi per la mancata qualificazione al Mondiale, è un insuccesso sportivo che necessita una soluzione condivisa e per questo ho convocato domani una riunione con tutte le componenti federali per fare un'analisi approfondita e decidere le scelte future".

Questo il primo commento di Tavecchio.

Poi, cercherà, se ci riesce, di prendere tempo, è di scuola democristiana, sa superare le bufere, lo ha dimostrato anche in questi anni in Figc.

Ma questa si annuncia terribile, senza precedenti.

Leggi articolo originale

12/11/17

Molestie cinema attrici italiane: Brizzi nega

Fonte - Tgcom24 - Fausto Brizzi, dopo essere stato indicato come l'autore delle molestie di cui, pur senza farne il nome, avevano parlato alcune attrici italiane, nega categoricamente di aver mai avuto "rapporti non consenzienti o condivisi". 


Il regista ha quindi spiegato di aver "appreso con grande sconcerto dagli articoli apparsi su alcuni quotidiani dell'esistenza di ipotetiche segnalazioni di molestie fatte da persone di cui non viene precisata l'identità".


Il regista di "Notte prima degli esami" e "Maschi contro Femmine" ha risposto così alle accuse contro di lui che lo indicavano come "il regista quarantenne" di cui avevano parlato alcune attrici italiane durante la trasmissione "Le Iene" di qualche settimana fa.

Secondo Il Messaggero, Brizzi avrebbe avviato trattative legali con le sue accusatrici.

"Per questo - ha risposto Brizzi - escludo categoricamente di aver conferito mandato legale per trattare il risarcimento del danno in favore di presunte vittime".

"Procederò in ogni opportuna sede nei confronti di chiunque abbia affermato e affermi il contrario", ha proseguito il regista.

"In via precauzionale, e per evitare strumentalizzazioni, ho sospeso - ha quindi spiegato - tutte le mie attività lavorative ed imprenditoriali.

Chiedo a tutti il massimo rispetto della privacy della mia famiglia e, in particolare, di mia moglie".

Il legale del regista, Antonio Marino, ha poi precisato che "la decisione di distribuire o meno il film di Fausto Brizzi 'Poveri ma ricchissimi' spetta solo alle società di distribuzione e al momento non è stata assunta alcuna decisione".

Leggi articolo originale

10/11/17

Salvato un bimbo dalla pelle di cristallo

Pelle nuova geneticamente modificata impiantata a un bambino dalla pelle di cristallo. Il bambino aveva perso l’80% della pelle e i medici gli avevano indotto il coma per rendere sopportabili i dolori. 

Salvato un bambino siriano affetto dalla malattia della pelle fragile, con un trapianto di pelle modificato geneticamente, impiantata in un ospedale della Germania a ottobre e novembre 2015. La pelle rigenerata arrivava però dall’Italia e in particolare dal Centro di Medicina rigenerativa “Stefano Ferrari” dell’Università di Modena e Reggio Emilia, diretto da Michele De Luca, cui si erano rivolti i pediatri tedeschi Tobias Rothoeft e Norbert Teig.

L’intervento è riuscito ed è stato descritto in uno studio pubblicato sulla rivista Nature. «Il bambino aveva una mutazione nello stesso gene che avevamo già corretto in fase di sperimentazione clinica su due pazienti - racconta De Luca -, sebbene in aree molto meno estese.fonte:http://www.corriere.it/salute/pediatria/17_novembre_08/pelle-nuova-geneticamente-corretta-salva-vita-un-bambino-farfalla-c328f182-c48d-11e7-92a1-d24c712a4dfa.shtml

08/11/17

Blocco telefono per mancato pagamento bollette telefoniche

Fonte - Corriere Adriatico - Secondo l’analisi di Facile.it, il 5 per cento degli intestatari di un contratto di telefonia fissa o Adsl non paga la bolletta, vale a dire circa un milione di italiani. 


Il dato, emerso dalla valutazione di oltre 30mila contratti telefonici analizzati dal comparatore nel corso del 2017, evidenzia un malcostume alquanto diffuso nel Paese.


«Un cliente viene considerato dalla compagnia telefonica un “cattivo pagatore” nel momento in cui questo, a seguito del mancato pagamento di alcune bollette e nonostante i solleciti dell’operatore, continuasse a non saldare quanto dovuto», spiega Andrea Bordigone, di Facile.it.

Quello che non tutti sanno è che, smettendo di pagare la bolletta, il moroso rischia di finire nella “black list” dell’operatore telefonico e, nel caso in cui volesse stipulare in futuro un nuovo contratto, la compagnia potrebbe rifiutarsi di farlo.

Oggi ogni azienda ha la propria “lista nera”: attenzione però perché alcuni provider possono arrivare a negare il contratto anche qualora solo un componente del nucleo familiare sia stato segnalato in passato.

E presto la situazione potrebbe diventare ancor più complicata per coloro che non vogliono far fronte ai costi telefonici.

A fine 2015 il garante per la privacy ha dato il suo benestare alla realizzazione di un database condiviso e accessibile a tutte le compagnie telefoniche, il S.I.Mo.I.Tel., nel quale potranno essere iscritti tutti quei “clienti seriali” che intenzionalmente non pagano bollette per un valore complessivo di 150 euro.

Quando il registro entrerà in attività, i cosiddetti “turisti telefonici” avranno certamente vita dura.

Leggi articolo originale

06/11/17

Borg McEnroe: storia di due star del tennis

Björn Borg e John McEnroe, lo svedese di ghiaccio e il passionale americano, in carriera si sono affrontati quattordici volte (sette vittorie a testa per i campioni tra il 1978 e il 1981) ma è sull'erba di Wimbledon che i due grandi rivali hanno offerto lo spettacolo più entusiasmante.

 L'epica degli opposti - nel carattere, nel tipo di gioco, nella vita extra sportiva - era pane per i denti del pubblico e capitale per i media a caccia di storie; quella della macchina senza emozioni e del ragazzino impertinente rappresentava tutto ciò che la gente voleva, lo scontro delle racchette come spade affilate in un racconto cavalleresco dall'esito sempre incerto, già perfetto nel suo platonico realismo. Che poi la leggenda di Borg e McEnroe dovesse approdare al cinema per ragioni indipendenti dal suo fascino era solo questione di tempo, come dimostra l'arrivo in sala del non tanto atteso film di Janus Metz Pedersen e interpretato da Sverrin Gudnason e Shia LaBeouf.https://cinema.everyeye.it/articoli/recensione-borg-mcenroe-del-film-con-sverrin-gudnason-shia-labeouf-35729.html

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 3.0 Italia.